Vai alla barra degli strumenti
1
Mag

UISP: vela

uisp Bonaventura02Il Bonaventura Sailing Team continua a vincere nella seconda manche del Campionato Invernale del Golfo sul mare del Circeo. Ancora una vittoria per il Bonaventura Sailing Team nella regata valida quale seconda prova della seconda manche al Campionato Invernale del Golfo, organizzato dal Circeo Yacht Vela Club e dal Terracina Vela Club. «La regata è partita con oltre due ore di ritardo – spiega Gino Anastasia, armatore del Bonaventura – perché eravamo in assenza di vento. La giornata è stata caratterizzata da un sole bellissimo e da un mare calmo. L’aria, proveniente da Ovest-Sudovest, inizialmente di 5-6 nodi, è andata aumentando durante la prova fino a 13-14 nodi nel finale, questo a discapito delle barche veloci perché le più lente hanno potuto usufruire di un vento più intenso nella parte finale. La nostra partenza è stata buona ma Alcatraz, il Mescal 31 di Giannantonio Di Giuseppe e Milò, il Sun Odyssey 42 di Muzio che gareggia nella Classe crociera, si sono ostacolate creando qualche disagio alle altre imbarcazioni». Il Bénéteau 34.7 timonato da Anastasia è riuscito comunque a prendere la testa del gruppo virando per primo alla boa di bolina e aumentando metro dopo metro il margine su avversari, seguita da Nambawan, il Comet 41 di Mario Imperato, a strettissimo contatto con Alcatraz, che è poi riuscito a ottenere la piazza d’onore in tempo compensato. «Alcatraz – sottolinea Anastasia – sta dimostrando regata dopo regata di essere il principale antagonista del Bonaventura, anche se i distacchi hanno superato i 3 minuti: si vede però che l’equipaggio si sta ben amalgamando e il tattico sta interpretando al meglio il campo di regata del Circeo».

In Classe crociera, Kasmin II, il Sun Shine 38 di Piero Forlani ha messo tutti in riga, precedendo Milò e Azzurra, l’Oceanis 411 di Guglielmelli. «Joshua invece – osserva ancora lo skipper di Bonaventura – si è persa sul campo di regata e non è riuscita a interpretare al meglio il vento del Circeo. L’organizzazione è stata ottima da parte del Circeo Yacht Vela Club, mentre si è ripresentato il solito problema dell’insabbiamento all’uscita del porto: tantissime barche, inclusa Bonaventura, sono rimaste a ciondolare sul basso fondale. Speriamo che l’imbarcazione non abbia subito gravi danni al bulbo e al timone, appena tornerà il buon tempo riporteremo a secco la barca per verificare la situazione. Amareggia fortemente che sia ridotto così uno dei porti più belli e sicuri d’Italia. E’ uno scempio che il Circeo non si merita, è vicino alle più belle isole del Mediterraneo, ci vorrebbe più attenzione da parte degli organi di governo almeno rispetto all’uscita dal porto, che riguarda la sicurezza di tutti i naviganti. Si rendono necessarie iniziative per verificare che tutto questo non accada più: sono sicuro che l’amministrazione del porto e le istituzioni comunali vorranno sopperire a questa carenza, e sono anche sicuro che se ciò avviene è anche per la negligenza in altri settori, che ostacolano gli ammodernamenti. Comunque, tornando al versante sportivo, ci avviciniamo alla fine del Campionato invernale, sempre più battaglieri e in ottima posizione per puntare alla vittoria finale». A bordo del Bonaventura sono saliti Alessandro Guratti a prua, Carlo Lera alle tastiere, Daniele Malinconico all’albero, Andrea Scarpa alle scotte e Anastasia al timone, affiancato da Pierluigi Fornelli alla tattica, libero dagli impegni quale tecnico della Nazionale e di nuovo in equipaggio.

Facebook Comments

Tag:

There are no comments yet

Why not be the first

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.