25
Apr

Rubrica Musica&Sport: “Sebastian Straw un campione della musica…”

Oggi voliamo dallo sport alla musica. Il personaggio che presento rappresenta i valori del riscatto, della rinascita e di quel goal della vita che può essere siglato anche nei minuti di recupero. Noi figli dello sport diciamo sempre che non dobbiamo darci per vinti fino al fischio finale, perché il colpo della vittoria può essere sferrato anche nei minuti di recupero. Può cambiare il palcoscenico, ma le regole sono sempre le stesse.
All’artista musicista Sebastian Straw, mi legano la passione per il calcio ed una storia sempre combattuta tra arte e realtà. Si! Tra arte e realtà perché ogni artista è consapevole che per mantenere vivo quel dono divino, dovrà combattere e vincere contro tutto e tutti, cercando di rubare alla vita il momento “magico” per esprimere la sua arte e ritrovare, in quel mondo visionario, finalmente se stesso.
Leggendo sul web decido di partire dal 4 ottobre del 2019 e percepisco che la data ha rappresentato la svolta per la carriera di Sebastian Straw. Il giorno del lancio di “Welcome Yesterday”, il suo primo disco da solista. Album prodotto dalla Seahorse Recordings di Paolo Messere e distribuito da Audioglobe.
Racconterò questa storia dall’occhio del giornalista attento alla parte umana del personaggio. Non avrei le competenze per approfondirne l’aspetto tecnico musicale. Non mi poteva sfuggire un titolo così! “Benvenuto Ieri”, per Sebastian ha significato dare un calcio al passato per immergersi nella propria vita. Una vita fatta di chitarre, strumenti, note e parole, pianti e sorrisi. La sua musica è segnata da quella Dublino che segnò il suo destino, in quel pezzo di vita in giovane età. Dagli esperti, il musicista viene presentato come autore di brani spesso malinconici, alcune volte spensierati. Le sue opere, un estratto di parole e suoni armonici in un perfetto mix di chitarre elettriche distorte ed acustiche, pianoforti, tastiere ed archi. Un vero musicista capace di far parlare tra loro i “mille” strumenti regalando suoni in stile brit rock, come lui stesso dichiara: “In un alternative rock che strizza l’occhio, in alcuni brani, anche al dream pop ed allo shoegaze”.
In occasione del lancio di “Welcome Yesterday”, fu significativa la risposta che diede in conferenza stampa: “Ho sempre disprezzato il mio passato! Ho avuto la forza di farlo diventare il valore per il mio riscatto. Mi è cambiata la vita da quando ho iniziato a ringraziarlo. Questo mio primo brano da solista, apre le porte alla mia rinascita. Il titolo è un omaggio a quel passato, un ringraziamento per dove mi sta portando. È grazie a quei giorni che oggi sono arrivato fin qui in questa conferenza, che darà il “La” alla divulgazione del mio lavoro. Un sogno che si è avverato. Il mio punto di forza è stato credere in me stesso, allontanare le persone depotenzianti e canalizzare la rabbia e le delusioni trasformandole in musica. Con “Welcome Yesterday” voglio regale un messaggio di speranza a tutti quelli che si sentono sfortunati, a tutti quelli che stanno soffrendo. Io ce l’ho fatta! Anche voi potreste riuscirci! Il segreto è quello di tutti i campioni della vita: non mollare mai anche quando tutto sembra finito”. Ha ragione il nostro artista, perché è proprio dal buio che rinasce la luce.
Quelle parole furono sacre! Il brano riscosse un successo internazionale ed il riscontro della critica specializzata. Quel 4 ottobre del 2019 firmò l’inizio di una nuova vita che lo portò fino al palcoscenico musicale più importante d’Italia. Nel 2021 Sebastian Straw ha coronato il sogno di ogni musicista: quello di esibirsi a Sanremo. Arrivò tra i finalisti di quel Sanremo Rock suscitando l’interesse di produttori ed etichette importanti.
Sempre incisivo e descrittivo nel giudicarsi: “Sono un comunicatore solitario, tranquillo ma deciso. Mai contento e sempre alla ricerca del perfezionismo ed è per questo che do e pretendo sempre il massimo. Non mi piacciono gli eccessi, l’esibizionismo eccessivo, ma neanche la forzata modestia. Questo vale sia nella vita che sul palco. Devo migliorare! Sul palco spesso mi innervosisco, soffro quando non riesco a trasmettere al pubblico le giuste emozioni. Questo è il comportamento sul quale lavorerò per migliorarmi”.
Lo sport e la musica segnano la nostra vita. Una partita di calcio è come un brano musicale, non ha tempo. Passano gli anni e una musica, come un goal, ti illumina il momento di un passato fuggito e lontano. Ricordi vivi in te, pronti a riemergere grazie alla nota di una canzone o al ricordo di una partita. Artisti come Sebastian Straw ci regalano le immagini della vita. Nella sua rinascita sta bruciando le tappe. Attualmente sta collaborando con Livio Magnini dei Bluvertigo e nel 2022 ha presentato tre nuovi singoli (Wet by the Rain, I’m Out, Can’t Stop (Lovin’ you baby). Emozionato ha dichiarato: “Il nuovo album è oramai alle porte. È un onore poter dire che gli ultimi lavori sono stati ultimati ed arrangiati negli studi di Milano con Magnini, il noto chitarrista ed arrangiatore, nonché sound engineer della band milanese”.
Come il ritornello della sua “I’m Out” che recita il passato come un lontano ricordo: “Sono finalmente fuori dai tuoi giochi. Ho strisciato per terra e ora sono in piedi con il futuro nelle mie mani. Sono finalmente fuori dal tuo vizio niente più sanguinamento senza suoni, riparo le cicatrici con la musica giorno dopo giorno da solo. Sono finalmente fuori dalla tua vita”.
Definito dalla rivista e dal magazine The Big Take-Over come “il nuovo centro del brit pop mondiale e recensito come “il frutto dell’eterna lotta tra Liverpool, Londra e Manchester”.
Questo è l’amico musicista Sebastian Straw un vero campione della musica. La differenza tra un vincente ed un semplice giocatore è proprio nella testa. Nel modo di pensare. Riesce a vincere solo chi ha il coraggio di lottare anche contro quello che io chiamo l’altro se stesso! Ognuno di noi ha qualcosa di speciale, tutti hanno un dono divino, ma solo una piccola percentuale riesce a non far morire l’eroe nascosto nella propria anima.
Auguri amico Sebastian! E complimenti per esserti fatto trovare pronto…
“I sogni volano liberi sulle ali degli uccelli, volano guidati dalla rosa dei venti. Dall’alto ogni tanto qualche sogno cade in terra e tu puoi essere il fortunato a raccoglierlo. Fatti trovare pronto!”. Estratto dal mio libro “I Codici della Vittoria”.
Pierluigi Grande

Facebook Comments

Tag:

There are no comments yet

Why not be the first

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.