11
Gen

SPORT PER TUTTI: L’UISP HA FESTEGGIATO A ROMA I 70 INSIEME ALLE SOCIETA’ SPORTIVE

A Palazzo Montecitorio l'Uisp incontra dirigenti e volontari delle società sportive del territorio. Riccardo Cucchi: "Siete operatori di civiltà"

“L’Uisp è l’insieme della storia di ognuno di noi”: con queste parole Vincenzo Manco, presidente nazionale Uisp,ha aperto l’incontro nazionale “Uisp 70 anni per il futuro – Società sportive: le antenne della coesione sociale” che si è tenuto a Roma martedì 27 novembre nella prestigiosa Sala della Lupa,quella che custodisce la copia originale della Costituzione Italiana.

Siamo all’interno di Palazzo Montecitorio, sede della Camera dei Deputati per festeggiare i 70 anni dell’Uisp, e Manco parla di fronte a cento rappresentanti territoriali del movimento associativo più articolato e ramificato del nostro Paese, con oltre 1.300.000 soci e 17.500 basi associative. Ne approfitta per ricordare l’identità dell’Uisp: “Perché la cultura del movimento e dello sport venga promossa allo stesso modo delle altre politiche pubbliche”. Perché significa salute, vitalità, socialità, partecipazione. E la sede e la platea di volontari sportivi e dirigenti è quella giusta per ricordarlo alle istituzioni.

GUARDA LA GALLERIA FOTOGRAFICA

Volontari che Riccardo Cucchi, giornalista Rai,definisce “operatori di civiltà, per saper trasformare ogni giorno un’utopia in progetto. A 18 anni anch’io facevo sport con l’Uisp – ha confessato Cucchi – perché sapeva far arrivare lo sport nelle periferie. E per questo dava voce ai valori e alle speranze di molti ragazzi come me”.

Franco Chimenti, vicepresidente Conie presidente Federgolf, ha detto di respirare aria di casa ed ha riconosciuto all’Uisp il merito di saper popolarizzare anche uno sport spesso considerato d’elite come il golf, grazie ad una convenzione siglata con lungimiranza alcuni anni fa.

GUARDA IL VIDEO con gli interventi di Manco, Cucchi e Chimenti

Pensare alla propria storia e guardare al futuro: l’Uisp oggi ha accorciato le distanze. Come una squadra di calcio che pensa al modulo giusto per vincere una partita importante: quella con la prospettiva che ha di fronte e quella con le proprie radici. “Qui mi sento a mio agio perché ritrovo il patrimonio genetico dello sport popolare e per tutti”: spiega così il suo stato d’animoSergio Giuntini, storico dello sport.”L’Uisp è stata la prima associazione sportiva a capire che prima dello sport c’è l’alfabetizzazione motoria, mentre altri soggetti del sistema sportivo si sono attardati soltanto sull’aspetto agonistico”.

Concetto ripreso daValentina Cattelan, della società Sport di Borgata Uisp Torino:“L’Uisp promuove valori e riesce a portare lo sport là dove è più difficile portarlo, supera gli ostacoli e apre strade nuove. Le nostre esperienze con le donne di altri paesi o con i ragazzi che vivono in aree urbane più difficili ci dicono che questa è la direzione giusta”.

GUARDA IL VIDEO con gli interventi di Sergio Giuntini e Valentina Cattelan

Liliana Grasso, direttrice dell’Associazione culturale Acume, ha riconosciuto la capacità dell’Uisp di generare progetti e pratiche ramificate sul territorio e l’ha esortata ad avere più consapevolezza dell’importanza del ruolo sociale che svolge, quotidianamente, in ogni angolo del nostro Paese. Come ha confermatoFabrizio Fulginei, dell’associazione cricket Uisp Jesi,protagonista di un’attività di squadra che sa creare inclusione con le comunità di migranti presenti in Italia.Francesca Chiavacci, presidente nazionale Arci,ha ricordato i comuni valori di antifascismo e impegno per i diritti che contraddistinguono la storia di Uisp e Arci: “Oggi – ha detto – siamo ancora insieme per abitare i territori, capaci di sconfiggere solitudini e individualismo e costruire coesione sociale attraverso sport e cultura”.

GUARDA IL VIDEO con gli interventi di Liliana Grasso, Francesca Chiavacci e Fabrizio Fulginei

In chiusura Vincenzo Manco, presidente Uisp,ha premiatosocietà sportive, dirigenti e volontari del territorio insieme al personale delle sedi Uisp locali e nazionale.

Nel corso dell’incontro sono stati proiettati due frammenti di film prodotti dall’Uisp nazionale:“L’altra faccia del pallone”(1972, regia di Cecilia Mangini) e“Capitane Coraggiose”(2018, regia di Francesca Spanò) in anteprima a Roma, dopo il passaggio al Matera Sport Film Festival della scorsa settimana.(I.M.)


Comunicato da Uisp.it 

Facebook Comments

Tag:

There are no comments yet

Why not be the first

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: