8
Mar

Soddisfazione della UISP per l’articolo salva sport per tutti…

Uisp su modifiche e approvazione Spending Review in Senato: “Ce l’abbiamo fatta: evitati danni alle società sportive del territorio”.
Roma, 31 luglio. L’Uisp esprime soddisfazione per le modifiche apportate in Senato al testo sul decreto Spendig Review, in merito all’articolo 4 e all’articolo 12. Il testo originario avrebbe comportato riflessi negativi sull’attività sociale, volontaria e sportiva. “Ce l’abbiamo fatta ad evitare i danni che questo provvedimento avrebbe apportato alle società sportive del territorio – dice Filippo Fossati, presidente nazionale Uisp – la prima bozza presentata dal governo avrebbe impedito ogni rapporto convenzionale diretto fra qualsiasi livello istituzionale e qualsiasi Associazione sportiva dilettantistica. Questo avrebbe provocato l’impossibilità, di fatto, di svolgere tutte le attività sportive e culturali sul territorio, comprese quelle gratuite e volontarie. Sarebbe stato compromesso il diritto dei cittadini alla pratica motoria e sportiva sul territorio. Ci abbiamo pensato noi, con il Coordinamento degli Enti di promozione sportiva e il Forum del terzo settore: abbiamo tempestivamente denunciato i limiti dell’articolo 4 e dell’articolo 12 del decreto e abbiamo organizzato una protesta civile ed efficace. Ringraziamo i senatori che hanno condiviso il merito della nostra immediata reazione ed hanno riscritto ed approvato il nuovo testo”.

“Grazie all’impegno della nostra associazione, insieme al Forum del terzo settore – dice Stefania Marchesi, responsabile nazionale bilancio Uisp – siamo riusciti a conservare la possibilità per le associazioni sportive dilettantistiche, di cui all’art.90 della legge 27 dicembre 2002, n. 289 di accedere a contributi pubblici. Si tratta di un provvedimento a salvaguardia del sistema delle società sportive del territorio”.

“E’ positivo che le buone ragioni dell’associazionismo di promozione sociale per il mantenimento, come previsto dalla legge istitutiva, dell’Osservatorio nazionale delle Aps- Associazioni di Promozione Sociale siano state accolte dal Consiglio dei ministri e dal ministero competente – dice Gabriele Bettelli, responsabile nazionale Uisp nei rapporti con gli Enti di promozione sportiva – L’Osservatorio nazionale ha operato in questi anni sostanzialmente a costo zero per le casse dello stato, non prevedendo alcuna indennità, né gettoni di presenza per i suoi componenti. Al contrario si è dimostrato uno strumento utile per approfondire la conoscenza di questo mondo associativo ed ha organizzato tre Assemblee nazionali che hanno prodotto efficaci elaborazioni per migliorare la legislazione”.

Facebook Comments

Tag:

There are no comments yet

Why not be the first

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: