6
Mar

AIDO: A Coverciano da Prandelli e Di Natale per il premio Far Play

Riceviamo e pubblichiamo completando con notizie dalla pagina Facebook AIDO
Daniele Damele
COVERCIANO – “Unire fair play a una mentalità vincente si può e si deve. Fair play significa anche rispetto delle regole mentre per vincere occorre un forte impegno, tutti valori che Di Natale porta con sé e che nell’Udinese trovano giustamente ampio spazio. E i risultati danno ragione a questa scelta”: è quanto ha dichiarato Cesare Prandelli, commissario tecnico della Nazionale italiana di calcio…, ricevendo a Coverciano (Firenze) il Premio nazionale Fair Play dal presidente del Comitato nazionale italiano Fair Play (CNIFP), Ruggero Alcanterini, che ha accolto di unire e assegnare il premio anche al bomber dell’Udinese, appunto Totò Di Natale, come propostogli dal presidente della Commissione nazionale Giovani e comunicazione del CNIFP, Daniele Damele, che è anche consigliere nazionale dell’Associazione italiana per la donazione di organi, tessuti e cellule (AIDO).
E proprio la comunione dei valori della donazione e dell’etica in campo e fuori del campo l’hanno fatta da padrone in una giornata che la Nazionale italiana di calcio, che si sta preparando agli europei, ha voluto dedicare al fair play giocando con la squadra dei dilettanti della Virtus Vecomp di Verona e con una serie di incontri con vari dirigenti CNIFP e AIDO coordinati dal vice-presidente e dal consigliere nazionale della Federazione italiana gioco calcio (FIGC) rispettivamente Demetrio Albertini e Alberto De Colle.
A Coverciano Prandelli, Di Natale e tutta la rosa e lo staff degli azzurri, come pure vari giocatori delle Nazionali dell’82 e del 2006, hanno, infatti, accolto oltre ad Alcanterini e Damele anche: Orazio Anania, consigliere nazionale CNIFP, Fabrizio Raffaelli, presidente regionale CNIFP Toscana; Fabio Fallai, delegato CNIFP Firenze; Enzo Fattori, vice-presidente CNIFP Friuli Venezia Giulia; Monica Moranduzzo, segretaria CNIFP Udine; Umberto Biagi, presidente regionale AIDO Toscana e Mauro Amoruso, delegato Comitato Friul Tomorrow 2018.oltre a un rappresentante del Centro regionale trapianti toscano.
Nelle motivazioni per la scelta di Prandelli e Di Natale come destinatari dei premi nazionali fair play è scritto che “il Comitato Nazionale Italiano Fair Play e l’Associazione italiana per la donazione di organi, tessuti e cellule riconoscono a Cesare Prandelli e a Totò Di Natale essere dei “donatori” e modelli educativi altamente favorevoli, specie per i giovani, per il fair play che li caratterizza nella loro vita, valore che portano con loro e diffondono costantemente nel mondo dello sport e nella società civile nazionale e internazionale.

Facebook Comments

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: